Una frase per voi

Non bisognerebbe mai giudicare un fotografo dal tipo di pellicola che usa, ma solo da come la usa.
Ernst Haas

Chi ci segue


Ci sono 362 persone collegate

Cerca sul nostro sito:

 

Fotografi: Home Page/Articolo

"i Di Fiore FOTOGRAFI sono i miei Fotografi"

Articolo del 09/04/2009 Pubblicato in Attualitą - L'angolo di Rosario Totaro Letto 1682 Volte

Al cinema. Recensione film "Gli amici del bar margherita", di pupi avati. Trailer.



I bar sono sempre stati un momento d'aggregazione e di libertà per l'universo maschile. Oggi meno e con ottime concessioni a quello femminile!
Stando lì, in quel locale pubblico, nelle piazze del paese, nelle vie delle città... sono cresciute generazioni: il maschio e il suo potere, tra sogni, carte da gioco e caffè, gazzette sportive, avvenimenti, tv in bianco e nero...
Oggi, al cinema, Pupi Avati ricostruisce la sua visione di bar anni '50, vissuto veramente a Bologna, nel film da lui diretto: "Gli Amici Del Bar Margherita".
Tanti personaggi, fuori e dentro il suo bar. L'aspirante cantante è Fabio De Luigi, Luigi Lo Cascio (bravissimo) è l'erotomane, il boss del baretto è Diego Abatantuono, (attore preferito da sempre da Avati), la disinibita, l'unica donna, ha il volto deciso di Laura Chiatti e Neri Marcorè ne è l'innamorato.
A completare il quadretto d'amici c'è l'artista che ha la faccia furba di Gianni Ippoliti!
Tante storie, tanti incontri, storie diverse dai bar di oggi, fatti di soste leggere, momenti fugaci, che la generazione di oggi si concede, per i troppi impegni che la modernità detta .
Questo film è un affresco di un Italia che non c'è più, sincera, semplice e sognatrice... il tutto musicato da Lucio Dalla.

Rosario Totaro

Seguite in "real time" i "Di Fiore FOTOGRAFI" cliccando qui!

Aggiungi un commento




I commenti sono disabilitati.